Dobbiamo scommettere sulle ragazze

YFF nasce con l’obiettivo di aprirsi alle città nelle quali l'Università Politecnica delle Marche opera e favorire le connessioni tra Facoltà, studenti, ricercatori, territorio e sistemi sociali e economici. L’evento che si declina in workshop, discussioni, relazioni e momenti di intrattenimento vuole essere un contesto di contaminazione fra tutti i soggetti con cui l'Università Politecnica delle Marche interagisce.

L'edizione 2018 del festival sarà caratterizzata da tre temi centrali: unicità, diversità e parità. Le università sono risorse primarie necessarie per rilanciare sviluppo, confronto e competitività nel rispetto della libertà di ognuno, della propria diversità e della propria unicità. Un Paese capace di valorizzare la conoscenza, con tanti giovani che investono nello studio, sarà offrire opportunità di crescita scoiale ed economica. Anche quest’anno il nostro YFF sarà un incredibile punto di aggregazione e confronto per discutere di queste prospettive.

Dobbiamo scommettere sulle ragazze! Abbiamo percorsi di laurea che danno la piena occupabilità a tre anni dalla laurea, con una percentuale di studentesse tra le più basse di tutto l'ateneo. Forse queste scelte concorrono al dato negativo di bassi tassi di occupazione tra le giovani laureate? Perché le studentesse non scelgono percorsi STEM (Science, Technology, Engineering, Matematics)?  Nel nostro Ateneo per incentivare l’iscrizione di studentesse ferme al 47,5%, contro una media nazionale del 58%, abbiamo a disposizione solo due strumenti: incentivare le iscrizioni con una riduzione delle tasse per le studentesse, avviare azioni di orientamento già dalle scuole primarie agendo sul piano culturale per abbattere pregiudizi. Questa seconda azione la stiamo incentivando ospitando le studentesse e gli studenti delle scuole primarie nei nostri laboratori per mostrar loro le bellezze della scienza e della conoscenza.

Queste tematiche saranno protagoniste durante tutta la settimana del festival.

Il Rettore
Sauro Longhi

 

Tags: